Perché la Balanced Scorecard è l’elemento segreto di molte aziende?

La balanced scorecard è uno strumento utilizzato nell’ambito della gestione strategica aziendale, che permette di passare dalla mission e dalla vision aziendale ad una serie di indicatori di performance, che permettono di misurare quantitativamente i risultati dei processi aziendali.
Essa fu introdotta da Kaplan e Norton negli anni ’90, ponendosi come obiettivo il miglioramento dei metodi di misurazione, con una gestione bilanciata (balanced) di obiettivi a breve e lungo termine.

Lo scopo principale è quello di stabilire obiettivi misurabili e perseguibili, definire procedure di misura degli obiettivi, assicurarsi che tutta la compagnia li accetti, raccogliere e analizzare dati di performance e stendere report che possano dare un’idea del funzionamento aziendale quindi progettare soluzioni che riescano a contenere gli errori.

Il progetto di una balanced scorecard è suddiviso di cinque fasi fondamentali:
1) individuazione dei punti di forza e debolezza del contesto aziendale (matrice SWOT);
2) il management traduce i punti di forza e debolezza in una strategia ben definita, che venga misurata con indicatori di performance Kpi (soddisfazione del cliente, numero di offerte fatte/numero offerte accettate, puntualità nella fatturazione);
3) elaborazione di una strategia di lavoro che tenga conto dei fattori precedentemente analizzati (ad esempio migliorare il software gestionale o la gestione delle richieste di offerta);
4) rilievo dei dati, analisi e progetto di eventuali strategie compensative degli errori compiuti;
5) analisi dei dati, elaborazione delle statistiche e giudizio finale sull’azienda.

Supponendo di agire nell’ambito di un contesto produttivo di media grandezza, il metodo sopra descritto può rivelarsi utile, anche nel settore amministrativo. La mole di lavoro fra offerte, preventivi, monitoraggio dei clienti e dei fornitori di un ufficio amministrativo può essere considerevole. Stabilire quindi delle strategie di misura della performance, di rilievo della customer satisfaction e di controllo dell’operato degli impiegati può dare dei frutti considerevoli, soprattutto a lungo termine. Nel settore pubblico manca il punto di vista del profitto aziendale, quindi ci si concentra solo sulla parte relativa alla mission. Il modello è stato utilizzato con successo in aziende Sanitarie, aziende in cui il metodo BSC viene utilizzato maggiormente con l’occhio ai fruitori finali delle performance, ovvero i pazienti. Anche nelle aziende private questo strumento è stato utilizzato con successo nei 70% dei casi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.