La conservazione sostitutiva gratuita delle fatture elettroniche.

Molti lettori del sito segnalano che il loro software di fatturazione elettronica non include anche la conservazione sostitutiva. Le software house lo propongono con un prezzo a parte, e gli utenti credono che se non acquistano anche il servizio di conservazione sostitutiva, sono poi costretti a caricare a mano le fatture sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
E’assolutamente necessario fare chiarezza su questo punto, perché non è così. Per usufruire del servizio di conservazione sostitutiva dell’Agenzia delle Entrate, bisogna solo dare la propria adesione e le fatture inviate e ricevute vengono archiviate automaticamente, quindi non bisogna caricare le fatture ad una ad una.

Qui di seguito, vediamo brevemente come aderire al servizio gratuito di conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche, sul portale dell’Agenzia delle Entrate.

Dopo aver effettuato l’accesso al portale fatture e corrispettivi con le proprie credenziali, bisogna selezionare il servizio Fatturazione elettronica e Conservazione e cliccare poi su Accedi alla sezione conservazione, dove si può notare che l’adesione al servizio risulta ancora non attiva, essendo appunto, la prima volta che si utilizza questa sezione.

Successivamente bisogna attivare la spunta nei box di conferma di presa visione e accettazione dei termini di utilizzo del servizio, dopo averle preventivamente lette, infine confermare l’invio della richiesta di adesione al servizio di conservazione.
Come si può notare l’adesione al servizio di conservazione risulta ora attiva e si può procedere con l’accesso ai servizi per la conservazione e l’esibizione dei documenti. All’interno della pagina conservazione si trovano le seguenti sezioni:

  • nuovo invio in conservazione, che consente di effettuare una nuova richiesta di conservazione dei documenti;
  • nuova richiesta di esibizione, tramite la quale è possibile effettuare una richiesta di esibizione dei documenti;
  • monitoraggio delle richieste, che permette di controllare lo stato delle proprie richieste;
  • revoca dell’adesione al servizio di conservazione, che consente appunto di effettuare la revoca del servizio di conservazione sostitutiva.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.